IMG 20210308 WA0023

“DONNA SE' TANTO GRANDE E TANTO VALI”

Non abbiamo lasciato che la Giornata dei diritti internazionali della donna passasse inosservata, nel nostro Istituto.

In questo momento di incertezze, mentre la pandemia ci impone di restare a casa davanti allo schermo di un computer, abbiamo sentito il bisogno di incontrarci, di parlare, partendo proprio da lì, da quel monitor troppo freddo e distante che, nell’arco di un’ora, nella giornata dell’8 marzo, ha fatto sì che le voci diventassero parole e che i volti delle nostre 57 alunne si materializzassero e, a turno, raccontassero di quanto la nostra storia sia ricca di donne straordinarie il cui pensiero o le cui azioni hanno contribuito a cambiare il mondo: da Ipazia di Alessandria a Madre Teresa di Calcutta, a Eleanor Roosevelt, a Florence Nightingale a Rosa Luxemburg, a Virginia Wolf, a Margaret Thatcher.

Di queste donne e di tante altre ancora, abbiamo scelto delle frasi che le rappresentano ed esprimono la loro visione del mondo. Esse sono riuscite a realizzarsi nel loro lavoro con coraggio e determinazione sfidando le convenzioni di comunità dominate, il più delle volte, da soli uomini.

Le giovani donne della nostra scuola, insieme alle Prof.sse Giuseppina di Lembo, Elena Flaviano, Concetta Gesualdo ed Elèna Varanese, hanno recepito con commozione le parole del compianto ed amato Papa San Giovanni Paolo II nella lettera indirizzata alle donne nel segno della condivisione e della gratitudine e accolto il messaggio della Dott.ssa Mariangela Lepore sull’identità femminile:

“Dobbiamo aspirare ed esprimere la nostra essenza più alta senza timore al rifiuto. Dobbiamo aspirare a brillare con tutta la nostra Luce…quando troveremo il nostro elemento (aria, acqua, fuoco, terra) la vita acquisirà un senso. In attesa che le nostre giovani donne, trovino la strada giusta per il loro futuro, le omaggiamo con le parole di Dante:

“Donna se’ tanto grande e tanto vali,

che qual vuol grazia e a te non ricorre

sua disianza vuol volar sanz’ali (Paradiso XXXIII,13)